29 Luglio 2021

Come strutturare il funnel di vendita
per le PMI

Come agenzia di comunicazione sappiamo bene che la strategia di marketing ed il piano di comunicazione sono indispensabili per acquisire nuovi clienti,  ma a tutto ciò deve essere abbinata anche l’ideazione di un funnel di vendita da customizzare in base alle esigenze.

Letteralmente il ‘funnel’ significa imbuto e determina il processo tramite il quale le aziende intercettano e guidano il cliente all’acquisto: si parte da una  porzione di pubblico che potrebbe aver sentito parlarle del prodotto in questione, si passa ad una fetta più piccola che include chi è in fase di selezione o scelta delle varie opzioni presenti sul mercato, fino ad arrivare ai potenziali compratori, coloro i quali sono davvero interessati all’acquisto finale.

È fondamentale capire da dove iniziare e come strutturare il funnel; per fare ciò abbiamo individuato cinque fasi da seguire:

  1. Ottenere traffico tramite annunci a pagamento,
  2.  Acquisire contatti tramite form e landing page,
  3. Creare risorse (video, pdf ecc) da offrire agli utenti per profilarli,
  4. Offrire l’accesso a risorse gratuite tramite campagne di email marketing,
  5. Analizzare i risultati ottenuti e ottimizzare al meglio ogni fase.

Per identificare queste 5 fasi ci viene in aiuto l’AIDA (acronimo di Awareness, Interest, Desire, Action).

L’AIDA, a sua volta, si divide in fasi: la prima è l’awareness o ‘attention’, il momento iniziale in cui il brand cerca di attirare l’attenzione del possibile cliente. Bisogna farsi notare e lo si può fare utilizzando:

  •   Facebook Advertising
  •   Il traffico organico SEO
  •   Google Adwords
  •   Guest posting su altri siti
  •    Condivisione sui social media

Dopo aver catturato l’attenzione del pubblico si cerca di presentare i benefici derivanti dall’acquisto del prodotto. Questo è il momento in cui conquistare l’interesse del cliente (‘interest’). Da un lato si forniscono informazioni sul prodotto e sul servizio e dall’altro si cerca di comprendere il comportamento del pubblico.

Si passa poi al ‘desire‘, fase nella quale si manifesta il desiderio, ovvero il massimo interesse del futuro cliente. È in questa fase che verranno evidenziati i vantaggi del prodotto per convincere ulteriormente il cliente all’acquisto.

Vi consigliamo di offrire al cliente una demo, una prova gratuita del servizio e cercare di condurlo alla registrazione dei suoi dati, così facendo, in un secondo momento si potranno attuare azioni di remarketing, intercettando quegli utenti che hanno utilizzato il servizio o prodotto offerto.

La fase di ‘action‘ è l’ultima fase nella quale il cliente compie l’azione, che può essere l’iscrizione alla newsletter o l’acquisto del prodotto.

Capire in quale fase si trova un potenziale cliente aiuta a individuare il giusto tipo di comunicazione da utilizzare, e le attività di digital advertising da pianificare. 

Vorresti sapere di più sulla creazione del funnel per la tua azienda e aumentare i volumi di vendita dei tuoi prodotti e servizi?

Contattaci e riceverai un riscontro il prima possibile.

Altri articoli